Ieri stavo scrivendo una lunga mail alla mia sorellina, Maria. 

Mentre le raccontavo tutte le cose successe quel giorno, mi sono venute in mente le sorelle Dashwood, le protagoniste di Ragione e sentimento, il bellissimo romanzo di Jane Austen.

E ho pensato… chissà come avrebbe scritto la mia lettera Elinor, la sorella Dashwood più ragionevole e assennata. E come avrebbe raccontato le cose Marianne, invece, che ha un carattere più impulsivo e appassionato?

 

A quel punto mi è venuto in mente un gioco da fare insieme alle mie amiche.

Ho preparato cinque biglietti di due colori diversi: BLU per ragione e ROSSO per sentimento.

Sul retro dei biglietti ho scritto le cose accadute ieri: Mi sono svegliata e c’era il sole, ho fatto colazione con le mie amiche, sono andata a scuola; nel pomeriggio ho fatto una lunga passeggiata con un caro amico; nel bel mezzo della passeggiata è scoppiato un terribile temporale.

 

Chi di noi avesse pescato un biglietto BLU, avrebbe dovuto scrivere una lettera che raccontava quegli avvenimenti come se l’avesse vissuta la ragionevole Elinor; chi invece avesse pescato un biglietto rosso, avrebbe dovuto scrivere le stesse cose come se le avesse scritte la passionale Marianne. Il tutto avendo a disposizione dieci minuti!

 

Alla fine, ci siamo scambiate le lettere e… abbiamo riso un sacco!

 

Io, per esempio, ho pescato la carta di Elinor e ho inizato la mi alettera così: “Cara sorella, ti scrivo perché voglio raccontarti quello che mi è successo oggi, anche se la mia giornata non ha avuto nessuna sorpresa nè imprevisto…”

 

Colette, invece, che ha pescato la carta relativa a Marianne, ha scritto: “Sorella amatissima, non crederai mai a quello che mi è successo oggi! Quindi siediti e stai pronta a sentire il mio incredibile racconto!”  

 

È divertente, vero?

Perché non provate anche voi?

Se siete un tipo impulsivo, sarà interessante mettersi nei panni di una persona razionale e, naturalmente, viceversa.

 

Le sorprese sono assicurate, credete a me! 🙂

 

A presto!

Paulina

 



Facci sapere cosa pensi di questo post lasciandoci un commento: