Navigando tra i miei beauty blog preferiti ho scoperto che i profumi, che abbiamo imparato a conoscere meglio durante la nostra ultima avventura, sono stati usati fin da tempi antichissimi come accessorio di bellezza!

 

Le regine dell’antico Egitto, infatti, sono state le prime a lanciare la moda di cospargere il proprio corpo di unguenti profumati e da quel momento in poi… tutti i popoli hanno usato le essenze come simbolo di ricchezza e regalità!

 

Ma un profumo può essere “indossato” in tanti modi diversi: pensate che nel Medioevo, per esempio, le dame si profumavano nascondendo tra le pieghe dei vestiti sacchettini di stoffa con violette, lavanda o fiori d’arancio essiccati, che sprigionavano fragranze delicate e piacevolissime!

 

Io mi sono ispirata proprio a questo tipo di profumi per creare per me e le mie amiche Tea Sisters un accessorio davvero unico, che ci permettesse di portare sempre con noi l’essenza della natura! Volete scoprire come realizzare un profumatissimo BRACCIALETTO FLOREALE? Ecco come fare!

 

COSA SERVE: un rettangolo di stoffa lungo circa 25 cm e largo almeno 10 cm, fiori secchi a piacere, ago e filo.

 

COME SI FA:

 

1. Prendete un rettangolo di stoffa del colore che più vi piace e disponetevi nel mezzo una manciata di fiori secchi di lavanda, rose, camomilla… o quelli che preferite, lasciando circa 5 cm di spazio ad ognuna delle estremità.
braccialetto1

 

2. Arrotolate la stoffa su se stessa, in modo da formare un cilindro, poi chiedete a un adulto di cucirne le estremità, per evitare che i fiori escano.

braccialetto2

 

3. Ora legate le estremità attorno al polso ed ecco pronto… uno speciale gioiello della natura!

braccialetto3

 

Siete pronte a farvi avvolgere dalla dolcissima fragranza dei fiori? 

 

Baci baci
Cocò

 

5 commenti per “Un gioiello della natura”

  1. matisse scrive:

    non vedo l’ora di farlo;)

  2. sofia_linda_horses scrive:

    Wow!
    Lo faccio subito!
    Tanto di fiori ce ne ho!!(-:

  3. ellysara scrive:

    bello!
    e profumato! 😉 :-)



Facci sapere cosa pensi di questo post lasciandoci un commento: